Machine Learning approaches can perform a successful classification of Primary Progressive Aphasia (PPA) main variants (Garrard et al. 2013). In this paper we show that the accuracy of these methods for all PPA sub-classifications is effective also in very sparse contexts of connected speech productions (picture description elicitation task, generating speech samples smaller than 100 tokens). This result has been obtained by including highly informative phonetic, morpho-syntactic and semantic feature information, mainly consisting of phoneme frequency, (bi)-syllabic repetition patterns, out-of-vocabulary term frequency, cues for syntactic truncated structures and characterizing low-frequency content word distribution.

Le recenti tecniche di apprendimento automatico da esempi (note come tecniche di Machine Learning) hanno mostrato come sia possibile classificare con notevole accuratezza alcune della varianti di Afasia Progressiva Primaria (in inglese Primary Progressive Aphasia, PPA; Garrard et al, 2014). Nel presente studio, l’accuratezza dei classificatori utilizzati è stata migliorata e la classificazione estesa a tutte le varianti note di PPA. La classificazione si è basata semplicemente su brevi eloqui elicitati (descrizioni di circa un centinaio di parole di un’immagine). Per ottenere questo risultato sono stati inclusi nel classificatore varie misure linguistiche estratte semi-automaticamente dalle trascrizioni degli eloqui: in particolare, sono state considerate ripetizioni e frequenze di gruppi di tratti fonetici, la frequenza di parole contenuto e funzionali, la presenza di non-parole e alcuni indizi di strutture troncate (come le pause indicanti, in certi contesti, difficoltà di recupero lessicale e, in altri, difficoltà di pianificazione articolatoria o morfo-sintattica).

Il contributo dell’analisi linguistica per la classificazione automatica degli eloqui prodotti da pazienti con afasia progressiva primaria

CHESI C;E. Catricalà;S. Cappa
2015

Abstract

Le recenti tecniche di apprendimento automatico da esempi (note come tecniche di Machine Learning) hanno mostrato come sia possibile classificare con notevole accuratezza alcune della varianti di Afasia Progressiva Primaria (in inglese Primary Progressive Aphasia, PPA; Garrard et al, 2014). Nel presente studio, l’accuratezza dei classificatori utilizzati è stata migliorata e la classificazione estesa a tutte le varianti note di PPA. La classificazione si è basata semplicemente su brevi eloqui elicitati (descrizioni di circa un centinaio di parole di un’immagine). Per ottenere questo risultato sono stati inclusi nel classificatore varie misure linguistiche estratte semi-automaticamente dalle trascrizioni degli eloqui: in particolare, sono state considerate ripetizioni e frequenze di gruppi di tratti fonetici, la frequenza di parole contenuto e funzionali, la presenza di non-parole e alcuni indizi di strutture troncate (come le pause indicanti, in certi contesti, difficoltà di recupero lessicale e, in altri, difficoltà di pianificazione articolatoria o morfo-sintattica).
Machine Learning approaches can perform a successful classification of Primary Progressive Aphasia (PPA) main variants (Garrard et al. 2013). In this paper we show that the accuracy of these methods for all PPA sub-classifications is effective also in very sparse contexts of connected speech productions (picture description elicitation task, generating speech samples smaller than 100 tokens). This result has been obtained by including highly informative phonetic, morpho-syntactic and semantic feature information, mainly consisting of phoneme frequency, (bi)-syllabic repetition patterns, out-of-vocabulary term frequency, cues for syntactic truncated structures and characterizing low-frequency content word distribution.
Afasia Progressiva Primaria; Machine Learning; Natural Language Processing
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12076/1050
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact